fbpx

Eseguita dal Dr. Alessandro Mariano, Biomeccanico.

Possiamo parlare di un servizio che normalmente definiamo Posizionamento sulla bicicletta.. In effetti il concetto di Valutazione è diventato sinonimo di Posizionamento. In realtà sono due momenti profondamente diversi che nell’avanzare dell’esperienza seguono strade sempre più diverse. Il lavoro presente e futuro si basa sul valutare il soggetto e, di conseguenza, ricercare un Posizionamento ideale che rispetti una serie di parametri estremamente suscettibili di modulazione che sono l’espressione di un lavoro Customizzato per le sue esigenze. In pratica è un abito sartoriale, cucito addosso al soggetto, che può essere dedicato al miglioramento della prestazione così come alla soluzione di patologie osteoarticolari. Il Vero Plus è comunque rappresentato dalla serie di Valutazioni comparate che, in modo “sufficientemente” scientifico ma, comunque riproducibili, determinano una soluzione che banalmente definiamo Corretto Posizionamento della persona in Bicicletta.

Cosa intendiamo per Valutazioni?
Dobbiamo dividere il lavoro in 3 step:
Valutare il principio statico dei carichi articolari. Ovvero: la Valutazione degli equilibri senza che l’atleta esegua alcun gesto nel quale esprima forze utili alla propulsione e non intervengano compensazioni né antalgiche né posturali. In pratica si basa sulla Valutazione rappresentata dalla misurazione di segmenti articolari. Sostanzialmente una misurazione antropometrica.
Valutare secondo il principio Cinematico dei carichi articolari sotto sforzo: Biocinematica. Ovvero: la Valutazione degli equilibri in condizioni di effettivo esercizio (BIOTECSS) i quali sono indotti sia alla muscolatura propulsiva sia da quella preposta alla stabilizzazione. La valutazione non tiene conto della genesi di ogni singolo lavoro muscolare e la posizione che segue la valutazione è una condizione compensata volta al miglior rapporto efficienza\efficacia. Sicuramente il risultato ha una elevata valenza sia dal punto di vista prestativo sia nel rispetto dei carichi articolari in condizioni di lavoro effettivo. Quello che manca è la Valutazione di tutti gli equilibri\squilibri collaterali del gesto atletico sul mezzo e, soprattutto, la coscienza del perché della prestazione più o meno soddisfacente.
Ricercare gli equilibri muscolari che producono la posizione Biodinamica. Ovvero: l’evoluzione con genesi cognitiva delle funzioni muscolari che producono quella che in effetti sarà la Posizione Biodinamica Compensata. La Valutazione si avvale di un sistema comparato con vari strumenti aventi a loro volta bersagli profondamente diversi, con acquisizione di parametri ottici, fisico-meccanici, mioelettrici, osteoarticolari, biopodometrici, inclinometrici. Il posizionamento è l’estrema ratio dell’interpolazione dei dati raccolti: è automatico capire come la Posizione Biodinamica Compensata sia l’elaborazione della Valutazione e non la sua immediata conseguenza.

Compila il form e sarai ricontattato entro 12 ore