fbpx

Dolore al ginocchio

dolore al ginocchio

 Andrea Valbonesi – Massofisioterapista – Massaggiatore Sportivo

Dolore al ginocchio: anatomia, cause e trattamento

L’articolazione del ginocchio è una delle più importanti articolazioni legamentose del corpo umano: è l’innesto di quattro ossa (perone, tibia, rotula e femore) collegate tra loro da strutture tendinee – legamentose e membrane.
I legamenti collaterali (mediale e collaterale laterale), i legamenti crociati (posteriore e anteriore) e il tendine rotuleo garantiscono la stabilità dell’articolazione e mantengono l’allineamento tra femore e tibia.
All’interno dell’articolazione troviamo, inoltre, due “cuscinetti” posti orizzontalmente tra il femore e il piatto tibiale che sono composti da tessuto fibroso e cartilagineo e ricoprono una funzione ammortizzante e anti-sfregamento: parliamo del menisco interno e il menisco esterno.

Grazie alla sua particolare anatomia, l’articolazione del ginocchio gioca un ruolo fondamentale nel:
– Sostenere il peso del nostro corpo
– Permettere i movimenti di flessione ed estensione della gamba
– Rotazione

A parte quando dormiamo o ci rilassiamo sdraiati, l’articolazione del ginocchio lavora sempre e proprio per queste sollecitazioni continue che può sopraggiungere un dolore al ginocchio, sia nei più giovani sia nei meno giovani, come conseguenza di un trauma o di una attività fisica molto intensa.

Quali sono le cause del dolore al ginocchio?

Il dolore al ginocchio è più comune con l’invecchiamento, a causa di anni di usura e microtraumi soprattutto se si è in sovrappeso.
Nelle persone che praticano sport, sia a livello dilettantistico che professionistico, le cause possono essere determinate da traumi, mentre altri fattori che possono causare dolore al ginocchio sono:
– Sindromi da sovraccarico funzionale dell’articolazione;
– Artrosi;
– Forme di artriti;
– Fratture ossee;
– Tendinopatie;

Le sindromi da sovraccarico funzionale sono delle condizioni dove la ripetizione di un movimento sollecita in modo sbagliato un muscolo, un tendine o un legamento generando una infiammazione.

L’artrosi è una patologia molto diffusa, può comparire con l’invecchiamento e si caratterizza per la degenerazione progressiva dei capi articolari.

Diagnosi e trattamento

La diagnosi per un dolore al ginocchio spetta al medico chirurgo specialista in Ortopedia e Traumatologia. È consigliabile consultare il medico se:
– Non si riesce a portare l’intero peso corporeo sul ginocchio;
– È presente un gonfiore a carico dell’articolazione;
– Non si riesce ad estendere o flettere il ginocchio;
– Si accusa forte dolore in seguito a un trauma;
– Il dolore non passa, ma aumenta;

Il medico specialista svolge una prima visita sottoponendo il paziente a un esame clinico che consiste in test manuali specifici. Per confermare la diagnosi il medico può richiedere ulteriori esami di accertamento:
– Ecografia;
– Radiografia;
– Risonanza magnetica;
– Tac;

Solo dopo la visita e una corretta diagnosi del medico, si può iniziare un percorso terapeutico adatto al paziente.

Quali sono le terapie mirate per il dolore al ginocchio?

Tra le possibili terapie utili per il dolore al ginocchio possiamo includere:
– Rimedi naturali (protocollo Rice – riposo, ghiaccio, compressione ed elevazione);
– Somministrazione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), Paracetamolo, acido ialuronico, corticosteroidei;
– Fisioterapia strumentale che include: Tecarterapia, Laserterapia, ultrasuoni, onde d’urto;
– Terapia manuale;
– Idrokinesiterapia;
– Riabilitazione per il rinforzo muscolare;
– Intervento chirurgico;

Nel caso in cui non sia necessario un intervento chirurgico, l’approccio deve essere conservativo, mirato al fine di ridurre il dolore e l’infiammazione attraverso l’utilizzo di elettromedicali, quali Tecarterapia, Laserterapia e l’idrokinesiterapia.
Successivamente è fondamentale intraprendere un percorso di rinforzo muscolare e stabilità dell’articolazione grazie a esercizi specifici da svolgere presso delle palestre riabilitative con personale qualificato.

L’intervento chirurgico risulta invece necessario quando:
– I protocolli terapeutici conservativi non hanno avuto l’effetto desiderato;
– Ci sono lesioni totali di legamenti e/o tendini ( ad esempio: legamento crociato anteriore, tendine rotuleo);
– Artrosi in stato avanzato.

Conclusioni

Sarà sempre lo specialista ad indicare il percorso migliore da seguire e l’intervento più adatto in base alla anamnesi del paziente.
È fondamentale la prevenzione e una attività fisica adeguata per la buona salute del ginocchio e per evitare di scatenare possibili infiammazioni e patologie correlate ad essa, gestendo al meglio la salute articolare e di conseguenza della persona a 360°.

Dr. Andrea Valbonesi

Massofisioterapista – Massaggiatore Sportivo

lavora con noi