fbpx

Sperone Calcaneare

 Dr. Andrea Valentini – Fisioterapista

Che cos’è uno sperone calcaneare?

Lo sperone calcaneare è un’escrescenza ossea che si forma nella parte inferiore del tallone.
I suoi sintomi si possono estendere all’intera pianta del piede (la fascia plantare). Gli speroni calcaneari colpiscono circa il 25% delle persone.
Gli speroni calcaneari si sviluppano nel tempo e determinano una condizione a carattere infiammatorio.
Il consiglio in ambito medico specialistico è di eseguire in primo luogo trattamenti conservativi (o non chirurgici) come per esempio:
• Onde d’urto focali.
• Laser ad alta potenza.
• Tecar terapia.
• Terapia Manuale.
• Esercizio Terapeutico.
• Ortesi plantari e Scarpe su misura.
Su indicazione dello specialista, raramente e solo in alcuni casi specifici, sarà previsto l’intervento chirurgico, laddove sarà ritenuto necessario.

Quali sono le cause in presenza di uno Sperone Calcaneare?

Gli speroni calcaneari possono essere causati da una risposta allo stress del peso o dell’attività fisica, dalla fascite plantare e da micro-lesioni accumulate nel tempo che portano al graduale accumulo di calcio nella sede dello sperone.
L’utilizzo di scarpe anti-infortunistiche o inadatte al piede e che vanno a modificare notevolmente l’arco plantare, il jogging o la corsa su superfici molto dure, la deambulazione con andatura anomala e scorretta, l’attività fisica inadeguata e l’obesità sono alcuni dei principali fattori di rischio per lo sperone calcaneare.
Il corpo risponde quindi a questi fenomeni di stress con la formazione di tessuto osseo extra.
Questo tessuto, gradualmente e nel tempo, diventa uno sperone calcaneare.

Quali sono i sintomi in presenza di uno Sperone Calcaneare?

La maggior parte delle persone non si rende conto di avere uno sperone del tallone finché non si presentano i sintomi che spesso compaiono violentemente e comportano una sensibile difficoltà sia nella deambulazione che nella stazione eretta.
Gli speroni calcaneari infatti non sempre sono sintomatici.
Accade infatti che un soggetto possa presentare questa condizione senza alcun fastidio o dolore e risultare quindi del tutto asintomatico.
In presenza di un quadro sintomatico il paziente invece manifesterà dolore che permane e non si allevia fino al distacco del piede dal suolo o una importante riduzione del carico sul suolo.

Sperone calcaneare e fascite plantare.

Si potrà avere anche dolore mattutino al risveglio (dovuto all’accorciamento della fascia plantare durante la notte) e sensazioni di fitte o puntura locali o su tutta la fascia plantare.
A precedere la possibile formazione di uno sperone calcaneare esiste una condizione nota come fascite plantare.
La fascite plantare si verifica quando in seguito all’eccessivo stress la fascia plantare si infiamma e/o subisce traumi.
In presenza di fascite viene avvertito un dolore lancinante al tallone che va e viene durante la giornata.
Il dolore si attenua quando si cammina un po’, ma ritorna se ci si siede e poi ci si alza per camminare ancora.
E’ importante quindi la prevenzione e un controllo specialistico anche in presenza di sintomi che possono essere associati alla fascite plantare in quanto, col tempo e le continue sollecitazioni, il corpo potrebbe gradualmente reagire a questi stimoli formando uno sperone calcaneare.

Come può essere fatta una corretta diagnosi per lo sperone calcaneare?

Una visita medica specialistica rappresenta la scelta più adatta per una corretta valutazione obiettiva e anamnesi del paziente, esaminando direttamente il piede coinvolto nei sintomi e le possibili cause correlate alla comparsa improvvisa dei sintomi eventualmente associati alla presenza dello sperone calcaneare.
A completare la valutazione e su eventuale indicazione del medico stesso potranno essere abbinati degli esami diagnostici a completare la diagnosi.
Gli esami più utilizzati ed efficaci utilizzati per diagnosticare gli speroni calcaneari con tempestività e precisione sono la radiografia e l’ecografia.

Qual è il trattamento per gli speroni calcaneari?

Con una percentuale dell’85% di successi le onde d’urto focali (ESWT) rappresentano un valido trattamento degli speroni calcaneari, inserita in un contesto di percorso terapeutico.
Questo trattamento può essere abbinato in sinergia con altre terapie fisiche come la Tecar, il laser ad alta potenza e terapie manuali ed esercizio terapeutico a seconda della situazione specifica del paziente e della sua sintomatologia.
Inoltre, su indicazione specialistica, sarà valutato l’utilizzo di farmaci anti-infiammatori e scarpe/ortesi plantari adeguate.
Nel caso in cui, nonostante il trattamento con le onde d’urto focali, ci sia ancora dolore provocato dallo sperone, il medico ortopedico specialista valuterà la necessità di ripetere o modificare il trattamento o di intervenire direttamente sullo sperone con la chirurgia.

Cosa posso fare per prevenire la comparsa di uno sperone calcaneare?

La prevenzione per evitare la comparsa di uno sperone calcaneare parte dalla prevenzione della fascia plantare.
Per raggiungere tale obiettivo è necessario effettuare un esame globale del piede con visite mediche specialistiche, specialmente per gli sportivi.
Seguire regolarmente attività fisica, perdere peso, individuare e correggere le cattive abitudini con l’aiuto di un fisioterapista contribuiscono alla prevenzione della comparsa di questa condizione.
Inoltre, indossare scarpe su misura e di qualità per svolgere attività sportiva, come la corsa o il jogging, fare dell’adeguato riscaldamento prima di qualsiasi esercizio fisico, allenarsi con costanza, ma con le giuste precauzioni e adottare nelle scarpe eventuali supporti come solette o plantari (laddove, sia consigliato o prescritto) contribuiscono alla buona salute del piede.
Una tempestiva visita medica specialistica risulta fondamentale nel caso in cui si presentino già dei sintomi nella fascia plantare.

Dr. Andrea Valentini

Fisioterapista

lavora con noi